L’Associazione Ludico Culturale Coccinelle Rosa è un’associazione nata da un gruppo di amici con lo scopo di divulgare la cultura ludica consapevoli che l’abitudine al gioco è una ricchezza sociale ed individuale che migliora di fatto il tenore di vita delle persone e delle comunità. Gli strumenti utilizzati a tale scopo si concentrano nell’organizzazione di ludoteche itineranti gestite come se fossero dei “ristoranti del gioco” con dei menù e dei “camerieri” che propongono e descrivono i giochi disponibili. Questa modalità unita ad altri particolari favorisce una rapida immersione nella piacevole dimensione ludica.

Ognuno di noi ha, nel corso della sua vita, avuto a che fare con i giochi da tavolo, siano essi i conosciuti “Monopoli” e “Risiko”, il più classico “Gioco dell’Oca” o la familiare “Tombola” e quasi certamente avrà passato con essi dei bei momenti. Per spiegare perché il gioco in generale e quindi il gioco da tavolo può essere considerato un fenomeno sociale si possono citare tre aforismi di autori molto diversi fra loro sia per formazione che per epoca. Già nell’antica Grecia era evidente il fattore socializzante del gioco, tanto da spingere uno dei maggiori pensatori dell’epoca a dedicargli un pensiero;

“Si può scoprire di più su una persona in un'ora di gioco, che in un anno di conversazione.” (Platone)

In epoca più recente un aforisma di G.B.Shaw, noto scrittore e drammaturgo così recita:

“Non smettiamo di giocare perché diventiamo vecchi, ma diventiamo vecchi perché smettiamo di giocare.”

In questa frase si evidenzia un altro aspetto molto importante del gioco, la sua capacità di stimolare la mente e la vitalità del giocatore, fattore per il quale non può essere considerata attività per soli bambini, ma uno svago adatto, se non consigliato a tutte le età. Il terzo pensiero e di Alex Randolph, uno dei più prolifici ideatori di giochi di sempre a cui si deve buona parte dell’innovazione in questo campo;

"Ebbene, si gioca per vincere ma giocando per vincere si impara a perdere. E io credo che questa sia la cosa importante, perché se si è imparato a perdere si è imparato a vivere”

In poche parole è riassunta forse la caratteristica più importante dei giochi da tavolo, l’impegnarsi per ottenere un risultato, per raggiungere l’obiettivo (la vittoria) attraverso il confronto e il rispetto delle regole accettando comunque l’eventuale sconfitta, un insegnamento pienamente applicabile nella vita. Nel corso degli anni il settore dei giochi da tavolo è notevolmente evoluto sia per la quantità di prodotti disponibili sia per varietà di tipologie proposte sviluppandosi in un vero e proprio microcosmo. Purtroppo nel nostro paese, a differenza di altri paesi europei, specialmente Germania e Francia dove la cultura ludica è più presente, questo mondo è ancora sconosciuto ai più. Negli ultimi anni, grazie alla spinta di gruppi di appassionati e di associazioni ludiche, si sta creando un vero e proprio movimento attorno ai giochi da tavolo con la sempre maggiore presenza di negozi e di editori specializzati e la conseguente disponibilità di un numero crescente di titoli.